Un nemico subdolo: la fame

Mangia quando è il momento di farlo.

Ora, vediamo le insidie per la tua produttività, che si nascondono nel cibo.

Questo punto potrebbe farti sorridere. Sembra una barzelletta, vero?

Immagina, stai scrivendo da un paio di ore, affiora un po’ di stanchezza e probabilmente avrai anche fame. Senti che se ti fermi a fare uno spuntino, potrai recuperare le energie e riprendere il focus sulla tua scrittura.

Ma rifletti un attimo. Se ti alzi e vai prepararti qualcosa da mangiare o prenderti uno snack, stai sottraendo tempo alla scrittura. Senza considerare che ti verrà voglia di rilassarti un po’. Inizierai a controllare la posta o fare qualcos’altro mentre fai merenda. Poi, ti verrà in mente che potresti dare un’occhiata ai social o chissà cos’altro s’inventerà la tua mente pur di non tornare a scrivere.

La soluzione? Stai meglio se hai fame. 

È una piccola distrazione che potrai sfruttare come carburante per scrivere più in fretta, raggiungere il tuo obiettivo, e poi rilassarti mangiando il tuo snack.

Chiaro, se hai problemi di salute o devi prendere delle medicine, che necessitano di avere lo stomaco pieno, non puoi stare male solo perché ti ho detto che gli spuntini sono una distrazione.

Se sai di dover sgranocchiare qualcosa per assumere delle medicine in determinati orari, organizzati affinché siano a portata di mano, mentre scrivi. 

La soluzione è pianificare i tuoi orari di scrittura e di pranzo in modo da non avere fame o sonno. Sembra un processo organizzativo da fuori di testa, ma sei uno scrittore professionista e devi pianificare le tue attività. Devi ottimizzare i tempi di lavoro.